Comi, Girolamo: Lettere autografe firmate a Pietro Mastri

Prezzo: disponibile a richiesta
Autore: Comi, Girolamo
Titolo: Lettere autografe firmate

Comi, Girolamo: 2 intense e magnifiche lettere autografe firmate indirizzate al poeta e critico letterario Pietro Mastri. Conservate le buste autografe viaggiate.

1) Lettera autografa firmata di 2 pagine (29 x 23 cm.) datata 9 luglio 1930. (…) Poiché l’apparenza induce i più a presumere che l’insegna “Al Tempo della Fortuna” dissimuli qualche orgogliosa pretesa di preziosità, mi corre l’obbligo di mettere le cose in chiaro. Posso assicurarle che lo spirito che presiede a questa raccolta di poesia è dei più umili e si guarda dal fare assegnamento su qualsiasi fortuna sia d’ordine pratico che d’ordine ideale. Ad onta dell’edizione numeratissima … noi non siamo dei maniaci del numero limitatore, ma aspiriamo, se mai, a sconfinare possibilmente nell’aura qualitativa dell’innumerevole … Non è a Lei – poeta e maestro – che io oserò ricordare che l’esercizio della Poesia – (sia essa buona o cattiva, tersa o ermetica, ricca o povera) – è una fortuna in sè stessa tale da potere concedersi il lusso di rifiutare ogni venetuale sussidio materiale come di ignorare ogni distratto e sommario collaudo (…)

2) Lettera autografa firmata di 4 pagine (27 x 21 cm.) su carta uso mano, datata 17. 11. 1930. (…) Il mio stato poetico esige che non si sia preoccupati e occupati della propria personalità … ma auspica che la paternità (…) diventi qualche cosa di vitale e di spirituale e di realmente organico. Ognuno di noi ha della letteratura in generale e della Poesia in particolare un concetto suo proprio – il quale se è discutibile e più o meno accettabile in sede letteraria ed estetica – non è più passibile di critica e di disquisizioni retoriche in sede spirituale, sempre ammesso che la sua nascita e il suo sviluppo siano innestati ad una necessità interiore e insopprimibile dello spirito universo e non della intelligenza (o intellettività) particolare e variamente pettegola del mondo delle lettere. Onofri pensava – ed io con lui, che il mondo delle lettere ha esaurito la sua ragione di essere e che dovrà ricollegarsi – adeguarsi ove realmente sia assillato da inquietudini di qualità non temporale – alla tradizione (segreta e manifesta ad un tempo) dello spirito stesso. Può darsi che per il momento tutto ciò sia ancora (…) letteratura (…) 

Richiedi Maggiori info

Il tuo nome (richiesto)

La tua email (richiesto)

Telefono

Il tuo messaggio

Domanda di sicurezza, scrivi il risultato:

Questa voce è stata pubblicata in Letteratura. Aggiungi ai segnalibri il permalink.

I commenti sono stati chiusi.