Bufalino, Gesualdo: Il Guerrin meschino

Prezzo: disponibile a richiesta
Autore: Bufalino, Gesualdo
Titolo: Il Guerrin meschino
Editore: Catania
Data: 1991

Bufalino, Gesualdo: Il Guerrin meschino. Frammento di un’opra di pupi, Catania, Il Girasole Edizioni, 1991, 22 x 15,5 cm. Brossura editoriale; pp. 78, (2). Edizione non venale stampata su pregiata carta tirata a mano in 399 esemplari destinati agli amici dell’autore e dell’editore. Firma autografa dell’editore (Angelo Scandurra) e di Gesualdo Bufalino al colophon. Dedica autografa firmata di Bufalino allo scrittore e giornalista italiano Carlo Laurenzi. Leggere tracce di polvere al retro di copertina; una tenue e piccola macchia alla copertina anteriore. Intonso. Edizione originale, non comune.

Spettatore infantile dell’Opera dei pupi, poi garzone a bottega d’un pittore di paladini, Gesualdo Bufalino ebbe precocemente occasione di appassionarsi ai duelli, incantesimi, amori che vedeva fiorire ogni giorno sugli sportelli dei carri e sugli “scacchi” dei cartelloni. Fu Guerrino il Meschino il suo idolo di quegli anni, da quando ne imparò le gesta in un’edizione popolare Salani. Dunque è quasi per sciogliere un voto della memoria che oggi il ragazzo di allora, nei panni di un anziano cantastorie, guida il suo eroe di prova in prova alla ricerca del padre ignoto e d’una lenta maturità. Man mano che Guerrino prende coscienza della sua sorte di marionetta, del fallimento delle sue imprese e della sua fine imminente, Dio sopravvive come soffio vago dell’anima, non più che un rimorso e un rimpianto. Ma a questo punto l’eroe è stanco, come stanco è il puparo. Hanno solo voglia di sedersi e chiudere gli occhi (Bufalino).

Richiedi Maggiori info

Il tuo nome (richiesto)

La tua email (richiesto)

Telefono

Il tuo messaggio

[recaptcha]

Questa voce è stata pubblicata in Letteratura. Aggiungi ai segnalibri il permalink.

I commenti sono stati chiusi.