Prezzo: disponibile a richiesta
Autore: Rossini, Gioachino
Titolo: Lettera autografa
Data: 1834

Rossini, Gioachino: lettera autografa firmata di una pagina (13 x 20 cm) indirizzata a Santina Ferlotti Sangiorgi, una delle maggiori protagoniste del repertorio rossiniano: Parigi 1834. Il compositore si congratula con la cantante per l’ottima interpretazione di Rosina nel Barbiere di Siviglia.

(…) Sento con sommo dispiacere che vostro marito non abbia poi ricevuto uno dei miei scritti quindici giorni or sono, senza ripetervi dettagliatamente le cose (…) mi limiterò a dirvi relativamente alla Cavatina del Barbiere di Siviglia, che se l’avete eseguita nello stesso modo che l’eseguiste a Parigi non posso che felicitarmi con voi (…) Beato di rendervi gli applausi anche in questa circostanza (…)

Dotata di una bella voce di soprano, Santina Ferlotti esordì come cantante nel 1820; grazie anche ai contatti con l’impresario Lanari, si esibì per molte stagioni (particolarmente dal 1829 al 1831) nei teatri di Firenze e Lucca. Proprio a Lucca cantò in un “trittico” rossiniano programmato nell’estate-autunno 1831, che, oltre alla Semiramide e al Barbiere di Siviglia, comprendeva la prima italiana del Guglielmo Tell. Sembra peraltro che le opere rossiniane fossero particolarmente congeniali alle sue caratteristiche vocali; ammirata nel ruolo di Rosina nel Barbiere, si cimentò con successo in Semiramide, Matilde di Shabran, Cenerentola, Otello, Edoardo e Cristina, Il conte Ory, La gazza ladra e ne La donna del lago, che cantò nella prima romana al teatro Argentina. Giacomo Leopardi in una lettera al fratello Carlo su una rappresentazione di Eufemio da Messina, opera di scarso valore, andata in scena all’Argentina di Roma nel carnevale 1823, scrisse di lei … tutte le voci sono mediocri eccetto il tenore, cioè David, e il contralto [sic!] cioè la Ferlotti. Santina Ferlotti si fece apprezzare molto anche all’estero e particolarmente a Lisbona dove divenne la cantante preferita della regina portoghese Maria da Gloria. Al ritiro dall’attività teatrale intraprese quella di insegnante di canto presso l’Accademia filarmonica di Torino, distinguendosi anche come didatta.

Richiedi Informazioni

Il tuo nome (richiesto)

La tua email (richiesto)

Telefono

Il tuo messaggio