Prezzo: euro 100
Autore: Auden, Wystam Hugh
Titolo: Our Italy
Editore: New York
Data: 1952

Auden, Wystan Hugh: Our Italy, in The Griffin, New York, The Reader’Subscription, 1952, Volume I, n. 5, 21 x 13,5 cm. Brossura editoriale; pp. 12. Le prime 4 pagine contengono lo scritto di Auden: Our Italy, nel quale il poeta britannico recensisce il libro di Eleanor Clark: Roma and a villa, parlando profusamente della città di Roma. A pagina 4 un’aggiunta autografa a matita di Auden e una correzione. Lo scritto di Auden è seguito da America whit a K di Eleanor Clark (fino a pagina 9) e da Letter from Henry Adams to Elizabeth Cameron. Ben conservato. Edizione originale.

Nel 1947 una giovane donna americana di nome Eleanor Clark andò a Roma con una borsa di studio Guggenheim per scrivere un romanzo. Ma invece di un romanzo, Clark creò una serie di schizzi della vita romana scritti principalmente tra il 1948 e il 1951. Girovagando per le strade di questa città leggendaria, Eleanor cadde sotto l’incantesimo di Roma: il suo ritmo di vita, la visione ironica dei suoi uomini e delle sue donne, la sua magnifica storia e il contributo mozzafiato alla cultura mondiale. Roma è la vita stessa: una miscela sensuale, frenetica, caotica e assolutamente affascinante di comico e tragico. Clark mette in risalto l’arte e l’architettura romana, inclusa Villa Adriana, un enorme palazzo incompiuto, come prisma per vedere la città e la sua storia, e offre un bel ritratto del Cimitero acattolico, a lungo conosciuto come il cimitero protestante, dove Keats, Shelley, e altri notabili stranieri riposano.

Auden è considerato da buon parte della critica come uno dei più importanti ed influenti poeti britannici del XX secolo. La rivista Literary Times scrisse per il necrologio del poeta: WH Auden, per lungo tempo l’enfant terrible della poesia inglese … emerge come suo maestro indiscusso. Joseph Brodsky ha scritto che Auden aveva la mente più grande del ventesimo secolo. Nel 1947 ha vinto il Premio Pulitzer per la poesia attribuitogli per The Age of Anxiety, il cui titolo è diventato una frase popolare che descrive l’era moderna. Una delle poesie di Auden più famose, Funeral blues, è contenuta nei film Quattro matrimoni e un funerale di Mike Newell, L’attimo fuggente di Peter Weir e La tigre e la neve di Roberto Benigni. La poesia The moment è recitata dalla ninfetta in Gruppo di famiglia in un interno di Luchino Visconti. Auden è stato un prolifico scrittore di saggi in prosa e recensioni su argomenti letterari, politici, psicologici e religiosi. Fu assieme a Jacques Barzum e Lionel Trilling fra i fondatori e i redattori della rivista The Reader’Subscription.

Richiedi Informazioni