Prezzo: euro 90
Autore: Svarese, Nino
Titolo: Malagigi
Editore: Roma
Data: 1929

Savarese, Nino: Malagigi, Roma, Edizioni del Lunario Siciliano, 1929, 19,5 x 14 cm. Brossura editoriale; pp. 163, (9). Esemplare a fogli chiusi in perfetto stato di conservazione. Edizione originale.

Non c’è migliore occasione di questo libro dalla copertina verde con l’omo legato al fico e il titolo tra magico e paladinesco (si riferisce al libro “Il Malagigi”) per mandare un saluto a Nino Savarese, possidente di paese, gentiluomo campagnuolo, fantastico e solitario, un po’come il bizzarro personaggio uscitogli dalla fantasia e per il resto scrittore che sa il fatto suo e può dare dei punti a chi lo voglia. (…) Finita la vendemmia e imbottato felicemente il vin nuovo, denso e robusto, dal suo podere di San Benedetto con quella casina bianca davanti e i tre cipressi di guardia da un lato, egli se n’è risalito in paese, a svernare sulla rocca, tra la badia di San Marco e quella di Santa Chiara. Ora la nebbia, la «paesana » come la chiamano laggiù, sfuma il suo umido fiato dal Castel di Lombardia alla Torre di Federico, riempie d’un opalescente vapore le strade, e involge ogni cosa in un frigido clima d’acquario. Si comincia a sentire cos’è veramente da quelle parti l’aria fina, in casa s’accendono gli scaldini per crogiolarsi lentamente nelle giornate pigre e interminabili. Si rivedono, dopo così poco che l’avevano smesso, gli uomini in tabarro, rari e rapidi come fantasmi trascinati dal vento, ma per buona fortuna la tiepida fragranza dei biscotti, dei supplì e delle castagne è sempre in quella poca aria che si riesce a respirare e titilla confortevolmente le nari, invitando a non far complimenti. (…) Proprio di questi tempi, appena non ci si vedeva più; andavamo con Savarese a cenare da Paolino: c’erano le rubiconde salsicce, le grosse braciole di maiale, i melloni profumati, gli enormi finocchi arrivati dagli orti di Valguarnera, e il vino era quello forte e generoso di San Benedetto. (…) Allora, Don Andaloro Raschione, detto Malagigi e Cataldo, freschi freschi nella sua fantasia, facevano le spese della conversazione. Dopo tante pene, umile e gentile, Paolina si sarebbe finalmente sposata e col suo matrimonio sarebbe ricominciato il mistero del mondo, che invano Malagigi aveva cercato di sollevare. (Francesco Lanza)

Richiedi Informazioni

    Il tuo nome (richiesto)

    La tua email (richiesto)

    Telefono

    Il tuo messaggio