Letteratura

Home/Novecento/Letteratura
30 06, 2020

Alvaro, Corrado: Poesie grigioverdi

2020-06-30T14:58:05+02:00Letteratura|

Alvaro, Corrado: Poesie grigioverdi, Roma, Lux, 1917, 19,5 x 13 cm. Brossura editoriale; pp. 71, (5). Fioriture diffuse dovute probabilmente alla qualità della carta, più accentuate da pagina 60 a fine volume. Edizione originale. A parte l’acerba monografia sul santuario di Polsi, l’esordio di Alvaro è rappresentato da un volumetto di versi, in obbedienza a una diffusa consuetudine, la quale richiedeva che un giovane intellettuale facesse il suo ingresso nel mondo letterario con una raccolta poetica. Alvaro raccolse così nel 1917 un mannello di liriche degli anni 1915-16 sotto il titolo Poesie grigioverdi, riproposte poi nel 1942 nel volume Il [...]

10 06, 2019

Arbasino, Alberto – Missiroli, Mario: Amate sponde

2019-06-10T17:01:54+02:00Letteratura|

Arbasino, Alberto - Missiroli, Mario: Amate sponde, Torino, Einaudi, 1974, 19,5 x 12 cm. Tela editoriale con sovraccoperta; pp. 133, (5). Dedica autografa firmata di Alberto Arbasino al giornalista e politico italiano Luigi Barzini Jr. Due o tre puntini di umido alla prima carta. Edizione originale. Questo piccolo musical patriottico e antifascista fa composto intorno al 1961 per il Centenario dell’Unità Italiana e per una immaginaria Primaria Compagnia Asti-Betti-Cobelli; fu pubblicato nell’aprile 1962 su Paragone, in una prima stesura, illustrando in nota <<la convinzione che il teatro più vivo del nostro tempo sia una contaminazione di generi il più possibile divertente, [...]

24 03, 2020

Arpino, Giovanni: Le mille e una Italia

2020-03-24T15:29:29+01:00Letteratura|

Arpino, Giovanni: Le mille e una Italia. Con quattro tavole a colori e ventinove illustrazioni in nero di Bruno Caruso, Torino, Einaudi, 1960, 24 x 18 cm. Cartone editoriale illustrato; pp. 215, (5). Con 4 tavole a colori a piena pagina e 29 illustrazioni in bianco e nero di Bruno Caruso. Dedica autografa firmata di Giovanni Arpino a Olga. Due piccole e leggere macchioline alla prima di copertina. Edizione originale. Opera dal titolo fiabesco perché pensata e realizzata a beneficio di giovani lettori sui banchi di scuola, ancora freschi e disponibili all'incanto delle favole della buona notte. In effetti di [...]

24 03, 2020

Arpino, Giovanni: Passo d’addio

2020-03-24T15:35:37+01:00Letteratura|

Arpino, Giovanni: Passo d’addio, Torino, Einaudi, 1986, 22,5 x 14,5 cm. Tela editoriale con sovracoperta; pp. 157, (7). Dedica autografa firmata di Arpino. Edizione originale. Passo d’addio è l’ultimo romanzo di Arpino, uno dei suoi più belli. Centrato sul tema dell’eutanasia, è anche un libro sull’entrata in crisi di alcune relazioni fondamentali: quella fra maestri e allievi (e dunque padri e figli) e quella fra uomini e donne. È un romanzo quasi profetico: oggi ancora più attuale di quando fu scritto. Un romanzo che, com’era consuetudine di Arpino, parla di cose fondamentali senza darlo troppo a vedere, con un understatement [...]

17 10, 2012

Bacchelli, Renato: La ruota del tempo. Scritti d’occasione

2019-03-26T17:00:13+01:00Letteratura|

Bacchelli, Renato: La ruota del tempo. Scritti d’occasione, Bologna, l’Italiano, 1928, 19x12. Brossura editoriale con sovracoperta; pp. 134, (6). 500 esemplari numerati. Edizione originale. Copertina leggermente distaccata dal dorso.

7 08, 2012

Bacchelli, Riccardo: Amore di poesia

2016-04-11T14:58:27+02:00Letteratura|

Bacchelli, Riccardo: Amore di poesia. Poemi lirici. Memorie. Riepilogo. Liriche, Milano, Preda, 1930. 18 x 11,5 cm. Brossura editoriale; pp. 238, (8). Con un ritratto dell’autore all’acquaforte inciso da Anselmo Bucci. 999 esemplari numerati. Dedica autografa dell’autore datata e firmata. Una ditata in copertina. Edizione parzialmente originale.

24 03, 2020

Bacchelli, Riccardo: La notte dell’8 Settembre 1943

2020-03-24T15:39:27+01:00Letteratura|

Bacchelli, Riccardo: La notte dell’8 Settembre 1943, Milano, Garzanti, 1945, 19 x 12,5 cm. Brossura editoriale; pp. 52, (2). Timbro a tampone blu con la firma di Bacchelli al colophon. Scritto in versi nel quale Bacchelli ricorda le tragiche vicende seguite all’armistizio dell’8 settembre 1943: i fatti dell'8 settembre del 1943, l'armistizio, fecero dell'Italia un Paese allo sbando: con l'illusione della pace, gli italiani si avviavano a un lungo periodo di stenti, bombardamenti, rappresaglie e guerra civile. Edizione originale. Nel nuovo conflitto mondiale Bacchelli avvertì sin dall’inizio caratteri nuovi e distruttivi, e in particolare la fine della civiltà europea. Il [...]

Torna in cima