Letteratura

Home/Novecento/Letteratura
23 07, 2018

Leonetti, Francesco: Antiporta

2018-07-23T10:18:41+02:00Letteratura|

Leonetti, Francesco: Antiporta, Bologna, Libreria Palmaverde, 1952, 18 x 12,5 cm. Brossura editoriale chiusa ad astuccio; pp. 66, (2). Non comune edizione originale. Leonetti reagì sin dai suoi primi scritti, dopo i versi d’esordio Sopra una perduta estate (1942), al dilagante neorealismo del secondo dopoguerra, facendosi fautore di una narrativa (Antiporta) e di una poesia (Poemi) a carattere sperimentale, che difese con metodo e rigore nei saggi pubblicati su Officina, la rivista che fondò nel 1955 con Pasolini e Roversi.

23 07, 2018

Leonetti, Francesco: Poemi

2018-07-23T10:16:29+02:00Letteratura|

Leonetti, Francesco: Poemi, Bologna, Libreria Palmaverde, 1952, 18 x 12,5 cm. Brossura editoriale chiusa ad astuccio; pp. 98. Edizione originale. Leonetti reagì sin dai suoi primi scritti, dopo i versi d’esordio Sopra una perduta estate (1942), al dilagante neorealismo del secondo dopoguerra, facendosi fautore di una narrativa (Antiporta) e di una poesia (Poemi) a carattere sperimentale, che difese con metodo e rigore nei saggi pubblicati su Officina, la rivista che fondò nel 1955 con Pasolini e Roversi.

14 12, 2018

Leonetti, Francesco: Sopra una perduta estate

2018-12-14T15:44:33+01:00Letteratura|

Leonetti, Francesco: Sopra una perduta estate, Bologna, Libreria Antiquaria, 1942, 20 x 15 cm. Brossura editoriale; pp. 13, (4). Una delle 300 copie numerate, su una tiratura complessiva di 375 esemplari. Opera prima. Eccellente esemplare a fogli chiusi. Edizione originale. Sopra una perduta estate è il titolo della scarna plaquette (appena dodici componimenti) stampata quasi clandestinamente nel 1942 dall’allora poco più che diciottenne Francesco Leonetti per interessamento del poeta Roversi, presso la libreria antiquaria Landi di Bologna, che tra l’altro pubblicò, nello stesso anno, gli esordi lirici di Roberto Roversi (Poesie) e di Pier Paolo Pasolini (Poesie a Casarsa) sodali [...]

17 06, 2019

Levi, Carlo: Cristo si è fermato a Eboli

2019-06-17T15:43:10+02:00Letteratura|

Levi, Carlo: Cristo si è fermato a Eboli, Torino, Einaudi, 1945, 22 x 16 cm. Brossura editoriale con sovraccoperta illustrata da un opera di Carlo Levi; pp. 243, (5). Stampato nella collana “Saggi” su carta povera in condizioni precarie a causa della guerra, il libro presenta alcune imperfezioni: una scoloritura al dorso del volume; un piccolo segno a biro nella parte bassa della copertina anteriore; una mancanza di 3 x 2 cm circa alla parte alta destra della sovraccoperta, che ha minime lacune anche ai piedi del dorso. Raro, specialmente completo della fragile sovraccoperta. Edizione originale. In Cristo si è [...]

14 12, 2018

Luzi, Mario: La barca

2018-12-14T15:58:10+01:00Letteratura|

Luzi, Mario: La barca, Firenze, Parenti, 1942, 21 x 15,5 cm. Brossura editoriale; pp. 56 con un ritratto di Mario Luzi disegnato da Mario Marcucci. Uno dei 305 esemplari numerati stampati su carta doppia guinea. Intonso. Seconda edizione notevolmente modificata ed aumentata da Mario Luzi, arricchita da una breve introduzione esplicativa dell’autore assai citata dalla critica letteraria. Accogliendo il desiderio più volte espresso da alcuni miei affettuosi amici di vedere ristampato questo libretto divenuto ormai raro, avrei voluto lasciarne inalterato il testo proprio per significare il distacco che il tempo e il mio lavoro hanno accentuato in me da esso. [...]

2 10, 2012

Luzi, Mario: Onore del vero

2020-01-03T11:33:39+01:00Letteratura|

Luzi, Mario: Onore del vero, Venezia, Neri Pozza Editore, 1957, 21,5x15. Brossura editoriale, pp. 79. Esemplare intonso, con firma autografa dell’autore. Edizione originale. In perfetto stato di conservazione. Un cambiamento definitivo nella poetica di Luzi arriva con la raccolta Onore del vero (1957), dove si percepisce una grande apertura nel linguaggio, vicino al parlato, dai motivi più comuni e concreti. A questo proposito Luzi dice di aver sentito il bisogno di dare al mio lavoro una sostanza e un aspetto più elementari, più fondati sulla natura dell'esperienza dell'uomo e sulla natura del linguaggio che la esprime.

16 07, 2018

Macchia, Giovanni: I moralisti classici

2018-07-16T15:20:01+02:00Letteratura|

Macchia, Giovanni: I moralisti classici. Da Machiavelli a La Bruyère, Milano, Garzanti, 1961, 18 x 12,5 cm. Brossura editoriale; pp. 22. Lunga dedica autografa firmata di Giovanni Macchia ad Annunziato Presta, filologo e critico letterario. La sola introduzione al notevole studio di Macchia sui moralisti classici, appositamente stampata a parte per l’autore, in pochissimi esemplari. Edizione originale. La letteratura fu il regno della libertà, ma una libertà organizzata entro di me, che diventava ordine e disciplina (...) L’attività critica è nata, semplicemente, come tutte le forme di attività, dall’applicazione. Fare una quantità di lavoro, e farla in una determinata maniera, [...]

16 07, 2018

Malerba, Luigi: Le rose imperiali

2018-07-16T15:12:04+02:00Letteratura|

Malerba, Luigi: Le rose imperiali, Milano, Bompiani, 1974, 20,5 x 12 cm. Brossura editoriale; pp. 128. Dedica autografa firmata e datata (febbraio 1977) indirizzata al presidente del Sindacato Scrittori Italiani, Cristina D’Ajello. Edizione originale. Secondo Alfredo Giuliani, Le rose imperiali, scritto in una lingua e semplicità che (...) bisogna chiamare classiche, è uno dei libri più profondi di Malerba. Le storie di questo volume prendono in parte spunto dalla Cina storica, più precisamente dall’Imperatore Shi Huangdi, che unificò il paese dopo l’epoca delle guerre tra Stati, fondò la dinastia Qin, confutò il Confucianesimo perché lo riteneva opposto alla supremazia totale [...]