25 10, 2017

Pignotti, Lamberto: Biblia pauperum

2017-10-25T11:02:39+02:00Arte|

Pignotti, Lamberto: Biblia pauperum, Roma, Edizioni Elle Ci, 1977, 22 x 23 cm. Brossura editoriale, pp. 14 con scritti di Eugenio Battisti, Umberto Eco, Pietro Favari, Mario Lunetta, Valerio Riva + 52 tavole illustrate stampate su carte di diversi colori. 1500 esemplari. Schedina editoriale conservata. Tracce di polvere al retro di copertina. Edizione originale.

20 10, 2020

Pirandello, Luigi: Il carnevale dei morti

2020-10-20T10:08:08+02:00Letteratura|

Pirandello, Luigi: Il carnevale dei morti. Novelle, Firenze, Luigi Battistelli, 1919, 19,5 x 12,5 cm. Brossura editoriale; pp. 281, (5). Lievissime tracce di ingiallitura in copertina. Esemplare freschissimo in eccellente stato di conservazione. Edizione originale. Secondo quanto scrive Davide Savio nella sua analisi delle novelle di Luigi Pirandello in cui esplora il rapporto conflittuale tra l’autore e il tema della morte, la lotta di Pirandello con quest’ultima si traduce, nella pagina o sul palcoscenico, in una lotta del narratore contro personaggi che non accettano la propria morte interiore e ritornano sempre, cavalieri di quel torneo infinito che Pirandello allestisce senza [...]

23 07, 2018

Pirandello, Luigi: Zampogna

2018-07-23T10:26:25+02:00Letteratura|

Pirandello, Luigi: Zampogna, Roma, Società Editrice Dante Alighieri, 1901, 15,5 x 9,5 cm. Brossura editoriale; pp. 120, (2). Leggerissima scoloritura al dorso. Edizione originale. (...) Ora che prevedo prossima la mia partenza, mi metto a dire in faccia a tutti le informazioni che darò, se m’avverrà che altrove mi si domanderanno notizie su questo mio involontario soggiorno sulla Terra, dove una notte di giugno caddi come una lucciola sotto un gran pino solitario in una campagna d’olivi saraceni affacciata agli orli d’un altipiano d’argille azzurre sul mare africano ... Gran parte dei versi contenuti in Zampogna è ascrivibile al periodo [...]

26 05, 2020

Pizzuto, Antonio: Il triciclo

2020-05-26T11:30:26+02:00Letteratura|

Pizzuto, Antonio: Il triciclo, seguito da Canadese, Milano, Scheiwiller, 1966, 17,5 x 12,5 cm. Brossura editoriale; pp. 47, (5). Con un saggio di Gianfranco Contini. 1.000 esemplari numerati. Seconda edizione arricchita del racconto inedito Canadese. Ottimo esemplare. Da una parte uno scrittore «leggendariamente arduo», per usare le parole di Contini, di cui è qui testimoniata la prima annunciazione. Dall’altra un editore meravigliosamente guitto e intraprendente. Da una parte lo scrittore che parla delle sue creature di carta con la perfetta consapevolezza del procedere lenticolare, dall’altra l’editore che parla del suo lavoro con l’ilare coscienza di un mestiere fatto «da dilettante [...]

29 01, 2013

Pizzuto, Antonio: paginette

2013-01-29T16:55:19+01:00Letteratura|

Pizzuto, Antonio: paginette, Milano, Lerici, 1964, 21,5 x 13, 5 cm. Cartone editoriale con sovracopertina e fascetta; pp. 181, (5). Edizione originale. Antonio Pizzuto (Palermo, 14 maggio 1893 – Roma, 23 novembre 1976) nasce in una famiglia ricca e dotta, formata dal padre Giovanni, avvocato e proprietario terriero, e dalla madre Maria, poetessa. Il suo percorso di studi inizia nella scuola Vittorino da Feltre e prosegue nel ginnasio Meli e nel liceo Vittorio Emanuele II, dove ebbe l'occasione di conoscere Salvatore Spinelli. Dopo essersi laureato in giurisprudenza nel 1915 e in filosofia nel 1922 all'Università di Palermo fa carriera nella [...]

26 05, 2020

Pizzuto, Antonio: Ravenna

2020-05-26T11:27:48+02:00Letteratura|

Pizzuto, Antonio: Ravenna, Milano, Lerici, 1962, 21,5 x 13,5 cm. Cartone editoriale; pp. 179, (5). Fascetta editoriale. Esemplare in ottimo stato di conservazione. Edizione originale. Racconta l’autore di avere incontrato, una volta su un treno, un signore francese che gli aveva parlato di una propria composizione per pianoforte intitolata Ravenna. Incontratisi a Parigi, Pizzuto venne invitato ad ascoltarlo suonare; fatti gli apprezzamenti generici, egli fu incuriosito dal titolo: “Perché Ravenna?”, “Così – fu la risposta – come uno viene chiamato Carlo oppure Giovanni”. La battuta, insensata all’apparenza, contiene un significato: generalmente i nomi vengono attribuiti prima di sapere come vivranno [...]

Torna in cima